Biennale Architettura 2020: Come vivere insieme???

Biennale3

La Fondazione CAN é lieta di seguire la prossima Biennale di Architettura a Venezia e approfondirne i contenuti su un tema considerato in primo piano all’interno delle sue prioritá come Non Profit: “Come vivere insieme?”

L’impegno di CAN è quello di divulgare ai propri sostenitori e associati quanto emergerà dal confronto delle varie proposte internazionali che tenteranno di sviluppare e soluzionare il tema proposto.

Su proposta del Presidente Paolo Baratta, la Biennale ha indicato Hashim Sarkis Direttore del Settore Architettura, con lo specifico incarico di curare la 17. Mostra Internazionale di Architettura del 2020.

L’architetto Sarkis, titolare di Hashim Sarkis Studios (HSS), fondato nel 1998 e con sedi a Boston e Beirut, dal 2015 è Preside della School of Architecture and Planning al Massachusetts Institute of Technology (MIT). È stato membro della giuria internazionale della Biennale Architettura 2016 e ha partecipato con il suo studio al Padiglione Stati Uniti (Biennale Architettura 2014) e Albania (Biennale Architettura 2010). Sarkis ha una laurea in Architettura e una in Belle Arti conseguite alla Rhode Island School of Design, oltre che un master e un dottorato in Architettura ottenuti alla Harvard University. Ha curato e scritto vari libri e articoli sulla storia e la teoria dell’architettura moderna; tra questi, Josep Lluis Sert, The Architect of Urban Design (New Haven, CT: Yale University Press, 2008); Lebanon in the Projects and Plans of Constantinos Doxiadis (Beirut: Dar Annahar, 2003); e Le Corbusier’s Venice Hospital (Monaco di Baviera: Prestel, 2001).

Il Presidente Baratta ha dichiarato: “Con Hashim Sarkis, La Biennale si dota di un Curatore particolarmente sensibile ai temi e alle urgenze che la società, nelle diverse contrastanti realtà, pone per il nostro abitare”. Il mondo sta lanciando nuove sfide all’architettura.

Ha commentato Sarkis. “Sono impaziente di lavorare con architetti provenienti da tutto il mondo per immaginare insieme come affrontare queste sfide.”

La 17. Mostra Internazionale di Architettura che si terrà dal 29 agosto al 29 novembre 2020; con pre-apertura il 27 e 28 agostoinaugurazione al pubblico sabato 29 agosto 2020.

Hashim Sarkis che ha annunciato il titolo della 17. Mostra Internazionale di Architettura ” How will we live together? ”  ha spiegato la sua scelta con le seguenti parole:

«Abbiamo bisogno di un nuovo contratto spaziale. In un contesto caratterizzato da divergenze politiche sempre più ampie e da disuguaglianze economiche sempre maggiori, chiediamo agli architetti di immaginare degli spazi nei quali possiamo vivere generosamente insieme: insieme come esseri umani che, malgrado la crescente individualità, desiderano connettersi tra loro e con le altre specie nello spazio digitale e in quello reale; insieme come nuove famiglie in cerca di spazi abitativi più diversificati e dignitosi; insieme come comunità emergenti che esigono equità, inclusione e identità spaziale; insieme trascendendo i confini politici per immaginare nuove geografie associative; e insieme come pianeta intento ad affrontare delle crisi che richiedono un’azione globale affinché possiamo continuare a vivere”.

In effetti la Biennale Architettura 2020 vuole affermare il duplice ruolo, spesso trascurato, dell’architetto, che è quello di affabile convocatore e custode del contratto spaziale.

Il bisogno di un’edilizia sociale più inclusiva e di strumenti innovativi per un tessuto urbano e territoriale più connettivo è ancora urgente sia nelle economie emergenti che in quelle avanzate.

Il 2020 è stato spesso definito come una pietra miliare sulla via verso un futuro migliore. Molte nazioni e città hanno elaborato una propria “Vision 2020”. 

Segretario Generale CAN Arch. Tiziano Inguanotto

can@canpavilionfoundation.org